Dune, Il signore degli anelli, Spider-Man, Top Gun, Indiana Jones, Matrix, Scream e Avatar. La lista potrebbe essere infinita e forse un po’ noiosa, ma l’argomento sicuramente affascina e coinvolge i più. Si tratta dell’effetto nostalgico e della necessità di Hollywood di puntare su qualcosa di collaudato per tornare a sognare e a coinvolgere gli spettatori. Il 2022 di fatto sarà l’anno di remake, sequel e reboot, seguendo la scia e la falsariga già inaugurato nella seconda parte del 2021. Il successo dell’operazione Dune di Denis Villeneuve, ha dato nuova fiducia e linfa ai produttori, che avevano già in cantiere e in fase di post produzione alcuni importanti titoli.

Pensiamo ad esempio a Top Gun: Maverick, film che riunisce il cast originale di una delle pellicole più iconiche e mitizzate degli anni ottanta. Dopo l’operazione Ghostbusters Legacy, che ha avuto reazioni contrastanti, malgrado abbia riconciliato il pubblico e la critica, dopo la versione in rosa di qualche anno fa, tocca a un altro caposaldo del cinema d’azione il cui primo capitolo venne diretto e realizzato dal compianto Tony Scott.

Da Scott passiamo quindi a un altro cineasta di culto che durante gli anni ottanta contribuirà a creare una certa estetica e filosofia di cinema, ancora oggi copiata e omaggiata in diversi modi. Parliamo di James Cameron, uno dei veri Re Mida di Hollywood, il quale dopo più di 10 anni torna a mostrarci il pianeta fantasmagorico di Pandora, con il suo secondo capitolo di Avatar. Film che ha avuto una lavorazione tutt’altro che semplice, rimandato più volte anche a causa della pandemia, ma adesso si conosce la data ufficiale di uscita, che salvo ripensamenti arriverà il prossimo autunno 2022.

Matrix 4 invece è stato distribuito a partire dal primo gennaio 2022, con una buona accoglienza di pubblico e di critica. Tornando su un divo come Tom Cruise si segnala anche il settimo capitolo di Mission: Impossible, di cui conosciamo pochi dettagli, ma che sicuramente saprà stupire ancora una volta il proprio pubblico di appassionati. Un’altra operazione nostalgia-revival è quella legata a Scream, dove tornano nuovamente attori e personaggi originali come Courtney Cox e Neve Campbell. Anche qui come per Top Gun, il film sarà dedicato alla memoria dello scomparto autore del primo capitolo della saga, il genio dell’horror Wes Craven, che ci aveva lasciato prematuramente nel 2015.

Indiana Jones 5 è un altro film molto atteso dagli appassionati, ma in questo caso c’è ancora da aspettare un po’ di tempo, dato che i rumors più insistenti ci dicono che la pellicola non sarà pronta prima del 2023, fermo restando che la produzione ha confermato che le riprese saranno terminate entro il prossimo aprile 2022. Come sappiamo il progetto diretto da James Mangold è stato prodotto da Walt Disney, condizione che lo rende uno dei titoli di punta della prossima stagione cinematografica, dopo la mezza delusione del quarto capitolo, prodotto da Lucas e diretto da Spielberg.

La notizia più recente riguarda però Il signore degli anelli, la serie prodotta da Prime Video, che durante la notte del Superbowl ha svelato al mondo il teaser. Si tratta di un grande evento, dato che a tutt’oggi è considerata la più costosa serie tv, con un budget presunto di un miliardo di dollari statunitensi. Del resto questa è stata la sfida e la scommessa personale di Jeff Bezos, il quale desidera restituire quello che Peter Jackson avevano fatto ormai 20 anni fa con la sua saga cinematografica, unica trasposizione filmica in live action dell’opera di Tolkien. Il canale YouTube ufficiale di Amazon Prime Video ha pubblicato il trailer aggiungendo la data di uscita, il prossimo 2 settembre 2022. Questo significa che il conto alla rovescia è già iniziato.

Le novità quindi sul fronte Amazon Prime, sezione video proseguono dopo che durante il 2021 la piattaforma ha iniziato a trasmettere eventi sportivi live, sia in Europa che negli Stati Uniti d’America. La stagione di Champions League, per quanto riguarda il calcio e il tema delle scommesse sportive ha mostrato una nuova realtà presente sul palinsesto odierno, in termini di piattaforme digitali. Staremo a vedere cosa accadrà da qui al futuro, in termini di eventi sportivi live e non solo.

en_US