CyberLaws Reading List 2022

I libri preferiti dai membri del nostro network.

Edizione Precedente:

CyberLaws Reading List 2021

Carmine Antonio Perri

Follia Artificiale

Carmine consiglia la lettura di 'Follia Artificiale' di Luca Bolognini «perché è un libro che tutti (giuristi e non) dovrebbero leggere per comprendere meglio lo strano mondo digitale in cui siamo immersi oggigiorno. Oltre a trattare i più importanti temi giuridici ed etici posti dall'AI, questo libro pone degli spunti di riflessione di estremo interesse che portano il lettore ad acquisire nuove consapevolezze sul delicato equilibrio tra progresso tecnologico e diritto».

Licia Presutti

Lezioni di meraviglia. Viaggi tra filosofia e immaginazione

Licia consiglia questo libro «ai coraggiosi, a coloro che sanno meravigliarsi. L’arte di filosofare coincide con l’inizio di un viaggio fatto di interrogativi, di poesia, di immaginazione e di meraviglia. Il filosofo è un navigatore della realtà: colui che complica e semplifica allo stesso tempo, colui che è disposto ad abbandonare la terraferma, accogliere l’ignoto imparando a meravigliarsi».

Manuela Bianchi

Invisibili

Manuela consiglia questo saggio di Caroline Criado Perez «perché rappresenta, con evidenze scientifiche supportate da esempi in vari settori, come la società sia ancora costruita a immagine e somiglianza degli uomini, e la popolazione femminile venga ignorata». “La rappresentazione del mondo come tale è opera dell’uomo; egli lo descrive dal suo punto di vista, che confonde con la verità assoluta.” (De Beauvoir).

Filippo Versienti

Antifragile - Prosperare nel disordine

Filippo consiglia 'Antifragile': «Dire che questo libro sia illuminante è un understatement. Taleb, nel terzo libro della trilogia - riassuntivo anche dei due precedenti - introduce il concetto di "antifragile", parola che nel nostro dizionario non trova posto, e che rappresenta ciò che non solo è l'opposto di fragilità, e anziché semplice robustezza. è ciò che nel disordine e nel caos prospera, anziché indebolirsi. Da questo concetto parte una riflessione lunga 25 capitoli colmi di idee innovative e arricchita da riferimenti empirici. Bellissimo».

Luigi Dell'Aquila

Il guardiano dei coccodrilli

Luigi consiglia la lettura de 'Il guardiano dei coccodrilli' di Katrine Engberg. «Gli amanti della letteratura scandinava hanno finalmente un nuovo autore di cui divorare gli scritti. Spietato nei particolari, minuzioso nelle atmosfere e psicotico nel descrivere l'introspezione di ciascun personaggio. Il titolo enigmatico quanto riflessivo è solo l'anticamera del viaggio che aspetta al lettore. Nella bellissima Copenaghen c'è un mistero da risolvere: non oso dirvi altro».

Rosa Calise

La boutique del mistero

Rosa consiglia 'La boutique del mistero'. «Dino Buzzati è stato la cosa migliore che si può essere quando si scrivono racconti. In questo libro ne raccoglie 31, tutti momenti di indagine profonda del mistero dell’esperienza umana, che da reale, attraverso la penna magica dell’autore, si espande colorandosi di fantasia».

Francesco Nanni

Sentenza artificiale

Francesco consiglia questo libro di Barbara Baraldi «perché si tratta di un libro ambientato in un futuro che potrebbe essere già presente. "Può un algoritmo stabilire la colpevolezza di un imputato?" In un'aula del palazzo di giustizia di Roma viene presentato "LexIA", un algoritmo di "sentenza artificiale" che rivoluziona il processo penale. Sarà infatti un programma a stabilire se una persona ha commesso o meno un reato, valutandone circostanze, prove, attenuanti, testimonianze e rendendo superfluo l'intervento umano. Ben presto la protagonista scoprirà un'anomalia all'interno del codice di LexIA che potrebbe comprometterne l'imparzialità».

Giulio Messori

Design Your Life

Giulio consiglia Design Your Life: «Dal titolo può sembrare una delle ennesime motivational readings americane, ma fidatevi: non è così. Burnett ed Evans riassumono in un libro l'approccio usato nel loro corso di "Life Design" di Stanford, uno dei più scelti dagli studenti di tutti i tempi. "Sei felice?" è LA Domanda a cui, grazie ad un approccio metodologico ed esercizi strutturati, riuscirete a rispondere. Consigliatissimo!»

Nicoletta Ordonselli

La disciplina di Penelope

Nicoletta consiglia 'La disciplina di Penelope' di Gianrico Carofiglio, «un giallo breve ma intenso che racconta la storia di una donna molto speciale e del suo difficile viaggio interiore, grazie al quale - tra segreti passati e corse contro il tempo - riuscirà a risolvere un enigma giuridico importante, non solo per la sua carriera, ma soprattutto per ridare giustizia a chi l’aveva perduta».

Valentina Brovedani

L'arte della guerra

Valentina consiglia 'L'arte della guerra' di Sun Tzu. «La strada per il successo è battuta da una sola arte. L'arte della guerra. Un evergreen invincibile scritto oltre 2000 anni fa, un codice della guerra per vincere la più agguerrita delle battaglie, oggi ancora attuale e foriero di strategie per conquistare il successo lavorativo».

Antonella Sergi

L'alba dei nuovi dèi - da Platone ai Big Data

Antonella consiglia questo libro di Maura Gancitano e Andrea Colamedici: «Sentiamo il peso insostenibile di una realtà contemporanea che sembra non avere un senso. Se la filosofia greca è nata per ristabilire un nuovo rapporto con il divino, oggi la filosofia, morendo, può favorire l'alba di nuovi dèi, già presenti e attivi tra di noi, eppure ancora senza nome, nonostante i grandi tributi che quotidianamente offriamo loro».

Roberto Pelliccia

La vera arte del successo

Roberto consiglia questo libro di David M. Rubenstein che «rappresenta una prospettiva sul concetto di leadership attraverso lo sguardo di individui che hanno saputo ispirare e orientare le masse, affermandosi quali punti di riferimento per milioni di persone nel mondo. Una riflessione circa l’opportunità di essere se stessi ma al servizio di qualcosa più grande di sé, volgendo la propria individualità a beneficio della comunità».

Raffaele Riccio

I quaderni di Don Rigoberto

Raffaele consiglia questo libro di Mario Vargas Llosa «perché rappresenta un piccolo capolavoro, un'originale fusione tra fantasia, sensualità e raffinatezza. Una storia densa, un romanzo probabilmente poco noto ma senza dubbio coinvolgente».

Alessio Azzariti

Buskashì

Alessio consiglia 'Buskashì' di Gino Strada, perché utile «per comprendere le dinamiche storico-politiche e geopolitiche che ancora oggi toccano l'Afghanistan. Esso, inoltre, immergendo il lettore nel quotidiano delle attività svolte nel paese nei primi anni duemila da Gino Strada, rimane una straordinaria testimonianza della preziosa attività umanitaria compiuta da Emergency in contesti dimenticati da tutti».