Articolo 122 – Legge 633/1941 sul diritto d’autore (copyright)

Articolo 122 – Legge 633/1941 sul diritto d’autore (copyright)

 

1.  Il contratto di edizione può essere “per edizione” o “a termine”.
Il contratto “per edizione” conferisce all’editore il diritto di eseguire una o più edizioni entro vent’anni dalla consegna del manoscritto completo.
Nel contratto devono essere indicati il numero delle edizioni e il numero degli esemplari di ogni edizione. Possono tuttavia essere previste più ipotesi, sia nei riguardi del numero delle edizioni e del numero degli esemplari, sia nei riguardi del compenso relativo.
Se mancano tali indicazioni si intende che il contratto ha per oggetto una sola edizione per il numero massimo di duemila esemplari.
Il contratto di edizione «a termine» conferisce all’editore di eseguire quel numero di edizioni che stima necessario durante il termine, che non può eccedere venti anni, e per il numero minimo di esemplari per edizione, che deve essere indicato nel contratto, a pena di nullità del contratto medesimo. Tale termine di venti anni non si applica ai contratti di edizione riguardanti:

-enciclopedie, dizionari;
-schizzi, disegni, vignette, illustrazioni, fotografie e simili, ad uso industriale;
-lavori di cartografia;
-opere drammatico-musicali e sinfoniche.
In entrambe le forme di contratto l’editore è libero di distribuire le edizioni nel numero di ristampe che stimi conveniente.

Torna all’indice

 

it_ITItaliano
en_USEnglish it_ITItaliano