Articolo 30 – Testo unico della radiotelevisione

Articolo 30: Ripetizione di programmi radiotelevisivi – Testo unico della radiotelevisione (D.Lgs. 177/2005)

 

1. L’installazione e l’esercizio di impianti e ripetitori privati, destinati esclusivamente alla ricezione e trasmissione via etere simultanea ed integrale dei programmi radiofonici e televisivi diffusi in ambito nazionale e locale, sono assoggettati a preventiva autorizzazione del Ministero, il quale assegna le frequenze di funzionamento dei suddetti impianti. Il richiedente deve allegare alla domanda il progetto tecnico dell’impianto. L’autorizzazione e’ rilasciata esclusivamente ai comuni, comunità montane o ad altri enti locali o consorzi di enti locali, ed ha estensione territoriale limitata alla circoscrizione dell’ente richiedente tenendo conto, tuttavia, della particolarità delle zone di montagna. I comuni, le comunità montane e gli altri enti locali o consorzi di enti locali privi di copertura radioelettrica possono richiedere al Ministero autorizzazione all’installazione di reti via cavo per la ripetizione simultanea di programmi diffusi in ambito nazionale e locale, fermo quanto previsto dall’articolo 5, comma 1, lettera f).

2. L’esercizio di emittenti televisive i cui impianti sono destinati esclusivamente alla ricezione e alla trasmissione via etere simultanea e integrale di segnali televisivi di emittenti estere in favore delle minoranze linguistiche riconosciute e’ consentito, previa autorizzazione del Ministero, che assegna le frequenze di funzionamento dei suddetti impianti. L’autorizzazione e’ rilasciata ai comuni, alle comunità montane e ad altri enti locali o consorzi di enti locali e ha estensione limitata al territorio in cui risiedono le minoranze linguistiche riconosciute, nell’ambito della riserva di frequenze prevista dall’articolo 2, comma 6, lettera g), della legge 31 luglio 1997, n. 249. L’esercizio di emittenti televisive che trasmettono nelle lingue delle stesse minoranze e’ consentito alle medesime condizioni ai soggetti indicati all’articolo 2, comma 1, lettera q), numero 3).

Torna all’indice

it_ITItaliano
en_USEnglish it_ITItaliano